7 items tagged "microespressione"

Risultati 1 - 7 di 7

Microespressioni - Rabbia

Category: Microespressioni
Creato il Lunedì, 26 Agosto 2013 16:09

Rabbia-Vera-Patryk-Simulazione

La rabbia è una emozione molto primitiva e tipica per l'essere umano ed animale in generale, può essere osservata anche nei bambini molto piccoli infatti insieme alla gioia e al dolore, la rabbia è una tra le emozioni più precoci. E' un'emozione tipicamente inibita dalla nostra cultura e quindi è una delle emozioni che viene più facilmente repressa a livello razionale e che compare quindi sotto forma di microespressione facciale prima di essere controllata.

Rappresenta insieme ad disgusto e disprezzo la triade delle microespressioni di ostilità e tipicamente si manifesta insieme a queste altre in varie combinazioni. Si può parlare all'interno della categoria Rabbia di emozioni come la collera, il furore, l'ira che possono essere considerati diversi livelli di espressione di questa emozione.

Nell'espressione di rabbia di solito le sopracciglia sono inclinate verso il basso e ravvicinate, le palpebre tese, gli occhi fissi e le labbra tipicamente serrate. Il ravvicinamento delle sopracciglia provoca delle rughe verticali tra le due sopracciglia. Non ci sono rughe orizzontali nella fronte se presenti, sono da da considerarsi righe permanenti e facenti quindi parte della Baseline della persona. Esistono tantissime varianti che vengono studiate nei nostri corsi grazie ai video formativi.

Ad es. gli occhi possono essere più o meno aperti a seconda del livello di intensità le labbra serrate oppure la bocca aperta. Se le labbra sono serrate è possibile che si stia reprimendo la rabbia oppure che si stia per rispondere fisicamente alla potenziale aggressione. Se la bocca è aperta è possibile che si stia per rispondere all'aggressione verbalmente.

Osservate al secondo 0:48 una chiara espressione di Rabbia da parte dell'On R. Polverini nel suo discorso di dimissioni da Presidente della Regione Lazio. Al minuto 1.41 L'On La Russa mostra una evidente microespressione di Rabbia durante il colloquio intervista, leggermente agitato con il giornalista del Fatto Quotidiano.

Microespressioni - Disgusto

Category: Microespressioni
Creato il Lunedì, 26 Agosto 2013 16:09

Disgusto-Vero-Patryk-Simulazione

Disgusto è sinonimo di repulsione verso qualcosa,verso qualcuno o verso un'idea. I segnali evidenti della mimica del disgusto si possono osservare all'altezza della bocca e nel naso, meno nelle palpebre e nelle sopracciglia. Il naso è arricciato è il segnale più evidente, il labbro superiore sollevato, quello inferiore può essere sia sollevato che normale, le palpebre inferiori sollevate e le sopracciglia abbassate. In alcuni casi l'espressione di disgusto è usata per sottolineare a livello di mimica una parola per rafforzarne il significato all'interno di una conversazione. Può essere a volte confuso con la mimica facciale della rabbia. E' una delle emozioni facili da simulare a livello di mimica e spesso può essere usata per nascondere la rabbia che viene considerata un'emozione più forte. Visto che gli elementi importanti della mimica sono nella parte bassa del volto si può riuscire a controllare meglio e quindi a similare tale espressione. Per comprendere se la mimica è reale o simulata si utilizza il Body Language Congruency Model che è un modello di analisi del linguaggio corporeo e delle microespressioni che si utilizza e viene insignato durante il corso Practitioner in Microespressioni Facciali.

In questo video di un'intervista ad Emilio Fede ad Anno Zero si possono osservare diversi segnali del corpo, al minuto 3.56 3.57 c'è una chiara mimica di disgusto usata però come sistema di arricchimento del linguaggio verbale non è una vera e propria microespressione. Al minuto 3.24 risponde ad alcune domande e nel farlo se si osservano i segnali di accesso oculari, si può notare che gli occhi vanno sempre verso sinistra (la destra di Fede) in PNL ciò significa costruire immagini e suoni. Al minuto 3.37 circa quando parla di Ruby e dice di averla vista porta gli occhi in altro a destra e quello è un accesso ad un ricordo visivo. Ci sono poi altri segnali del corpo che potete divertirvi a trovare dopo aver partecipato ai nostri corsi.

Microespressioni - Tristezza

Category: Microespressioni
Creato il Lunedì, 26 Agosto 2013 16:09

Tristezza-Vera-Patryk-Simulazione

 

L'emozione della tristezza si può presentare a diversi livelli di  intensità passando da una sorta di malinconia, di sofferenza, sino a poter arrivare fino alla disperazione più profonda. La delusione può manifestarsi sotto forma di tristezza. Nella sua espressione sul viso la tristezza può presentare intensità differenti riconoscibili in base a quanto sono marcate le espressioni del volto. Dal punto di vista della mimica facciale, compare sul volto nelle tre zone principali grazie all’attività delle sopracciglia, degli occhi e della bocca. La mimica della tristezza presenta: gli angoli interni delle sopracciglia sollevati; - la pelle scoperta sotto il sopracciglio forma un triangolo con l’angolo interno verso l’alto - la fronte appare lievemente corrugata per effetto del movimento delle sopracciglia - gli angoli della bocca sono piegati in giù.  La bocca potrebbe restare inespressiva in alcuni casi che possono portare l'osservatore a confondere la tristezza con il disgusto il disprezzo. Se non vengono utilizzati i muscoli della parte superiore del volto è probabile che la tristezza sia simulata a meno che la baseline di una persona o la sua mimica standard, non presentino già il coinvolgimento naturale delle aree tipiche nella mimica della tristezza. In questi casi l'osservazione diventa decisamente più complessa. Se l'intensità è lieve, l'unico vero indizio è rappresentato dalla piega della sopracciglia e della palpebra superiore, la pelle scoperta sotto il sopracciglio forma un triangolo con l’angolo interno verso l’alto

Osservate attentamente l'espressione di tristezza di Beppe Grillo al minuto 5 e 37 secondi.

Microespressioni - Paura

Category: Microespressioni
Creato il Lunedì, 26 Agosto 2013 16:08

Paura-Vera-Patryk-Simulazione

 L'emozione della paura compare quando si teme di subire un danno fisico o psicologico o entrambe. E' facilmente confondibile con sorpresa poiché coinvolge gran parte degli stessi muscoli. Le sopracciglia si sollevano avvicinandosi, gli occhi ben aperti e la palpebra inferiore tesa, le labbra possono essere tese all'indietro.

Nella paura rispetto alla sorpresa le sopracciglia sono meno incurvate ed il movimento è di solito abbinato al movimento della bocca e degli occhi.Le rughe orizzontali che appaiono sulla fronte occupano una vasta area.

Gli occhi sono ben aperti e tesi con la sclerotiche superiore evidenziata (la parte sopra la zona colorata dell'occhio). Rispetto alla soppressa in questo caso la parte bianca dell'occhio inferiore è invisibile poiché coperta dalla palpebra inferiore tesa. La bocca nella paura si può aprire in base a livello di intesità,

Se ad esempio sola bocca assume un'espressione di paura e il resto del viso è neutro, più che di paura vera e propria potremmo parlare di preoccupazione, o di uno stato precedente alla paura vera e propria. Se questo movimento della bocca compare e scompare velocemente, allora è una probabile microespressione che può voler dire che non si vuole far notare la propria paura. Anche per la paura esistono diverse varianti che grazie alla nostra METV possono essere studiate ed apprese con semplicità, velocità efficacia e divertimento tutte componenti che facilitano l'apprendimento.

In questo mix di di vari film dell'orrore trovate diverse espressioni di paura di diverse intensità osservate quella veramente ben interpretata nel film Shining al secondo 0.40.  

Microespressioni - Felicità

Category: Microespressioni
Creato il Lunedì, 26 Agosto 2013 16:08

Felicita-Vera-Kasia-Simulazione

 

La felicità è ovviamente l'emozione più desiderata da tutti. Chiunque vorrebbe essere circondato da persone sorridenti, allegre, felici, piene di gioia che si divertono.

Quando questa categoria di emozioni si manifesta, il ritorno emotivo è quasi naturale ed immediato, è anche una delle emozioni che spesso viene utilizzata per celare tutte le altre ad eccezione negativa, come ad esempio il disprezzo o superiorità, il disgusto, la sopresa etc. Osservare la microespressione di Felicità (intesa come apprezzamento, piacere, divertimento etc) è cruciale nel business, nella vita privata, ed in qualsiasi tipo di relazione. 

A differenza del disprezzo (molto simile ma con asimmetria) presenta una simmetria di azione a livello di muscoli facciali.

La manifestazione di sorriso di circostanza la si osserva in tantissime occasioni in particolare occasioni pubbliche, di lavoro ed anche familiari al fine di mascherare altre emozioni.

Basta conoscere la dinamica del sorriso e dell'espressione di felicità che non sarà più possibile essere ingannati.

Attenzione al Botox ovviamente. Se non si è osservata attentamente la baseline di una persona e questa ha utilizzato il Botox o ha avuto un intervento di chirugia estetica, è facile commettere errori. 

Leggete l'articolo sulla falsificazione delle Microespressioni, vi aggiungerà importanti notizie sull'impatto del Botox nella esternazione delle emozioni e parla inoltre del sorriso Duchenne.

sorriso-uomo-vero-donna-falso

Prova e rispondere se sono entrambe sorrisi veri oppure entrambe falsi oppure ancora chi mostra un sorriso vero e chi falso ?

Clicca qui per vedere la risposta.

 

 

Microespressioni - Sorpresa

Category: Microespressioni
Creato il Lunedì, 26 Agosto 2013 16:08

Sopresa-Vera-Kasia-Simulazione

 

La sorpresa è tra le emozioni la più breve a livello di durata e si manifesta improvvisamente nel volto con il coinvolgimento di sopracciglia, fronte, occhi bocca a diversi livelli in base all'intensità dell'emozione. Le sopracciglia appaiono rialzate come se fossero sollevate da un sottile filo centrale, la pelle sotto il sopracciglio diventa più visibile ed le sopracciglia sollevate producono rughe orizzontali sull'intera lunghezza della fronte, in base anche all'età ed all'elasticità della pelle. Attenzione sempre ad avere la Baseline della persona in particolare per gli anziani che hanno diverse rughe espressive sempre presenti. Possono comparire occhi sgranati e la mascella inferiore sembra cadere.Nell'emozione di sorpresa si evidenzia la parte bianca superiore(sclerotica) dell'occhio sopra la parte colorata (iride). Di solito gli occhi sono accompagnati da movimenti della bocca e della fronte, quando ciò non accade non è detto che si tratti di un'emozione di sorpresa che è facile da simulare proprio perché alcuni dei suoi movimenti tipici sono usati anche come emblemi nel discorso.

 

In questo video potete osservare evidenziata da un riquadro, Nancy Pelosi che mostra un evidente espressione di Paura dopo che Obama pronuncia alcune frasi. Al secondo 0.36 di questo video osservate l'espressione alla moviola.

Microespressioni - Neutrale - Baseline

Category: Microespressioni
Creato il Lunedì, 26 Agosto 2013 16:08

Neutrale-Patryk-Kasia-Simulazione

 

Non potrete mai dire di aver osservato attentamente una persona, se prima non conoscete il suo comportamento a riposo o comportamento base (baseline). L'osservazione della Baseline ci permette di capire la conformazione Neutrale ossia in assenza di stimoli emotivi, dei muscoli facciali. Le variazioni delle Baseline definiscono poi le varie microespressioni. 

Paul Watzlawick nel suo libro sulla "Pragmatica della Comunicazione Umana" postulava che "Non si può comunicare" quindi anche se a fronte di alcuni nostri stimoli la persona davanti a noi, mostra un'espressione Neutrale, anche questa è una risposta che va analizzata.

Ci sono persone ad esempio che mostrano una faccia da Poker (Poker Face) per evitare di mostrare emozioni. Se tenete conto quindi del contesto di osservazione, anche questa espressione è un segnale. 

I giocatori di Poker Professionistico infatti indossano spesso Occhiali, cappelli con lunghe visiere e sono spesso arricchiti da una folta barba che maschera alcuni movimenti dei muscoli facciali, nonostante ciò, agli occhi dei più esperti osservatori, una microespressione facciale captata può significare la vincita di una partita.

Quando si osserva una persona, anche nel determinare la sua Baseline è opportuno suddividere il volto in due sezioni, parte superiore e parte inferiore. Per essere ancora più efficaci può essere utile osservare la parte superiore del volto comprendente Fronte - Sopracciglia - Occhi e Palpebre la parte centrale relativa a naso, zigomi e guance, e la parte inferiore relativa a labbra, bocca, mento e sottomento. In questo modo, la combinazione dei muscoli facciali delle varie sezioni secondo pre-determinate dinamiche, porta alla composizione delle espressioni e microespressioni facciali.

Due famosi giocatori di Poker con evidenti  segnali di tensione, grattatine, schiarimenti di gola etc. Nonostante entrambe (chi con gli occhiali chi con il cappello) provino a mascherare parti del volto, il nostro corpo nel cercare l'omeostasi, attiva delle risposte involontarie come l'aumento di circolazione sulla pelle o nella zona delle tonsille, corde vocali, laringe che provocano il raschietto e quindi la tosse.

Osservate i primi 15 secondi del video e poi dal secondo 53 al 56 da 1.36 ad 1.40. Nell'intervista ad Anno Zero Bersani quando è in modalità ascolto, è normalmente soggetto a dei Tic nervosi che potrebbero essere scambiati per un mix di rabbia e disgusto e che invece devono essere considerati come Baseline. Se prima non osserva attentamente il comportamento di una persona non sottoposta ad emozion si rischia di dare interpretazioni errate.

SEGUICI SU

Center for Body Language in the World

1

Belgium

www.lichaamstaaltraining.be
2

USA

www.presidentialelectionprediction.com
3

UK

www.microexpressionstrainingvideos.com
4

Spain

www.microexpresionesfaciales.com
5

Portugal

www.microexpressoes.pt
6

Italy

www.microespressioni-facciali.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, visita la nostra policy della privacy.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information